14 Gen

E’ partita oggi per l’America Karen, la nostra volontaria argentina, che negli ultimi 3 mesi ha trascorso le sue giornate a Casa Mia.
E’ giunta fino a noi grazie al programma mondiale della Chiesa Cristiana Avventista Adventist Volunteers.

Al termine di questa esperienza abbiamo intervistato Karen. Questo è quanto si porterà nel cuore.

Come mai hai scelto di venire a fare volontariato a Casa Mia?

K: Era da un po’ che desideravo fare un’esperienza di volontariato all’estero, inoltre mi piaceva l’idea di poter imparare l’italiano; così quando ho saputo che c’era l’opportunità di fare volontariato qui a Casa Mia ho colto l’occasione al volo e sono partita.

Qual è stata la tua impressione non appena arrivata? Hai avuto difficoltà ad integrarti?

K: Sono stati tutti molto gentili con me sin da subito e mi hanno trattata bene. Mi sono sentita accolta e compresa anche quando non mi esprimevo bene a causa della lingua.

C’è qualche anziano con cui hai legato di più? Cosa ti mancherà di loro?

K: Tutti gli anziani sono stati sempre molto carini con me, ma in particolare mi sono affezionata ad Antonio e a Silvana.
Antonio è un nonnino molto carino e buono, mi ricorda mio nonno.

Con Silvana abbiamo trascorso tanti pomeriggi all’insegna del divertimento.. lei mi ha insegnato a giocare a scala 40, e da lì ogni giorno non poteva mancare la partitella pomeridiana! Mi mancheranno le partite con lei!

Cosa ti ha lasciato questa esperienza? C’è qualcosa che pensi di aver appreso?

K: Ritengo che questa esperienza mi abbia fatto crescere. Ho imparato innanzitutto a conoscere di più me stessa, ho appreso una cultura diversa dalla mia e poi ho fatto nuove amicizie che sicuramente rimarranno nel mio cuore.

Leave a Comment