Destinatari del servizio:

Quando l’anziano entra in Casa di Riposo il suo mondo relazionale si ampia, ne continuano a fare parte i familiari ma si arricchisce di tutto il personale che, a seconda degli specifici ruoli, interagisce con l’ospite e isuoi cari, così come degli altri ospiti con cui condivide tempi e spazi.
Ecco perché, per poter promuovere il benessere e la salute degli anziani ospiti di Casa Mia, è fondamentale mettersi in ascolto di loro in primis ma rivolgersi anche a tutti coloro che sono in relazione con l’anziano: i familiari e il personale.

  • Anziani
    Il lavoro con gli anziani si articola tramite colloqui individuali e attività in gruppo che hanno lo scopo di creare un contesto relazionale che faccia sentire la persona accolta nella sua globalità, valorizzata nelle sue capacità, riconosciuta come individuo con una propria preziosa storia, e sostenuta nell’affrontare i cambiamenti e il declino legato all’età e/o alle patologie, i vissuti di solitudine e l’elaborazione delle tematiche legate al senso della propria esistenza e al fine vita.
  • Familiari
    Ci sono momenti difficili e aspetti complessi, spesso fonte di sofferenza e difficile elaborazione: tra i tanti l’inserimento in struttura, i cambiamenti, l’insorgenza di complicanze, il trovarsi a delegare, il declino cognitivo e/o fisico del proprio caro, le dinamiche relazionali che mutano.
    Lo spazio offerto ai familiari è motivato dal desiderio di sostenerli nei momenti di difficoltà, mediante una
    relazione nella quale possano sentirsi accolti, ascoltati e compresi e sostenuti nel (ri)scoprire risorse per
    affrontare positivamente le situazioni e per mantenere vivi i legami nei nuovi tempi e spazi, ma anche supportati nella ricerca e nell’apprendimento di nuove modalità di comunicazione e relazione coi propri cari così come nella difficili ricerca di senso.
  • Personale
    Le iniziative indirizzate al personale (sportello di supporto psicologico, formazione, supervisione) si pongono in un’ottica di prevenzione dello stress lavoro correlato e del burn-out e sono mirate a migliorare la presa in carico dei bisogni dell’ospite che sono soggetti a variazione nel corso del tempo, ad informare e documentare, ad aumentare le capacità di problem solving e a potenziare le competenze relazionali e comunicative fondamentali nel rapportarsi con gli utenti, con i familiari e tra operatori stessi.

La specificità della fase di ingresso.
Nella fase di ingresso in struttura la figura dello psicologo supporta e facilita l’adattamento dell’anziano al nuovo contesto, accogliendone i bisogni e i vissuti, valorizzandone le risorse, individuando le potenzialità da mantenere e sviluppare, e interfacciandosi con l’èquipe per fornire spunti al fine di migliorare la presa in carico della persona.
In questa fase lo psicologo è anche a disposizione dei familiari per supportarli durante l’inserimento del proprio caro fornendo sostegno rispetto al cambiamento e facilitando l’elaborazione dei vissuti ad esso connessi.

Prendere contatto

Il servizio psicologico presso la casa di riposo Casa Mia, si avvale della collaborazione della Dott.ssa Agnese Paolini, psicologa regolarmente iscritta all’Albo della Regione Emilia-Romagna (sez.A – n° 6788).
Si desidera sottolineare che i colloqui sono vincolati al segreto professionale. È possibile contattare la psicologa per informazioni o per un appuntamento al 320.4091920 quando è presente in struttura: il Martedì mattina (9,30-12,00) e il Giovedì pomeriggio (14,00-18,00).

Dott.ssa Agnese Paolini – Servizio Psicologia